di Carla Delle Vedove

Si intitola “Ho ballato con uno sconosciuto” l’autobiografia di una delle più grandi ballerine e coreografe di fama internazionale: Carolyn Smith. Alcuni la conoscono perché da diversi anni è giudice del programma televisivo trasmesso da Rai 1 “Ballando con le stelle”, ma probabilmente non tutti sanno che le sue vittorie e quelle dei ballerini che allena sono numerosissime. La sfida forse più difficile che ha superato però non è stata nel ballo ed è di questo che Carolyn ha voluto parlare all’interno del suo libro.
Ho ballato con uno sconosciuto è stato pubblicato da Harper Collins a ottobre del 2017 e racconta, appunto, la battaglia vinta da Carolyn: la lotta contro il cancro al seno, o meglio, l’intruso come lei lo chiama.

Carolyn Smith è nata a Glasgow, in Scozia, nel 1960 e fin da bambina è sempre stata appassionata di danza e di sport in generale: ha praticato danza classica, moderna, tip tap, jazz, danza latino americana, ginnastica artistica e atletica. Ha sempre ottenuto risultati eccellenti in ogni campo e ha affrontato le difficoltà con energia e con il sorriso: un gesto semplice ma indispensabile, come le ha insegnato la sua famiglia e in particolare sua mamma. “Ogni mattina mi alzo e la prima cosa che faccio è indossare il sorriso”, dice, e il suo motto è “smile no matter what”. È proprio questo il messaggio che vuole trasmettere attraverso il suo libro: grazie alla positività è possibile superare qualsiasi ostacolo, anche la malattia.

Nel 2015 infatti ha scoperto di avere l’intruso mentre giocava con i suoi cagnolini che, saltandole addosso, le hanno fatto avvertire dolore. Appena le è stata diagnosticata la malattia, ha subito voluto sottoporsi alle terapie più pesanti e dolorose pur di ridurre i tempi della cura e poter continuare il suo lavoro di giudice e insegnante di ballo. Ha avuto la forza di sopportare le peggiori sofferenze per raggiungere i suoi obiettivi, anche quando, durante la sua malattia è mancato suo padre sempre per un cancro.

Carolyn non ha voluto però combattere da sola questa battaglia: non si è mai chiusa in se stessa, come molti nella sua situazione fanno, ma ha voluto condividere con gli altri ciò che stava vivendo presentandosi in televisione, alle interviste e sui social sempre sorridente. Non si è mai vergognata della sua malattia, anzi, ha voluto trasmettere un messaggio ben preciso: non serve a nulla piangersi addosso e nascondersi, qualunque sia l’intruso, ma la soluzione è affrontarlo con determinazione e senza paura anche se possono capitare, ovviamente, momenti di sconforto. In questo modo Carolyn non solo è riuscita e vincere contro l’intruso, ma ha anche trasmesso agli altri la forza di andare avanti. È questo il motivo per cui ha voluto scrivere “Ho ballato con uno sconosciuto”, che non è dunque solo un’autobiografia, ma è soprattutto un messaggio di positività, che dà un aiuto indispensabile per affrontare ogni situazione, perfino la più difficile.