di Giulia Zuliani 

Quando mio padre mi ha proposto di andare a Miami, ho accolto la cosa con grande entusiasmo: chi non vorrebbe andare da solo a Miami? Ma chi se lo sarebbe mai aspettato di incontrare lì un uragano? Io NO di certo, eppure è successo e mi è sembrato di vivere in un film. Mi sono recata a Miami per circa tre settimane per il programma Doppio Diploma e mancavano pochi giorni al nostro rientro in Italia quando abbiamo saputo dell’arrivo dell’uragano Irma grazie ad un nostro compagno di viaggio che si teneva costantemente informato tramite la tv di quello che accadeva in Florida. I nostri accompagnatori hanno inizialmente cercato di rassicurarci e di organizzare il rientro anticipato a casa o almeno un trasferimento al Nord, ma alla fine hanno deciso di farci rimanere nell’albergo dove alloggiavamo perché era molto sicuro, in grado di sostenere la forza di un uragano tanto che molte famiglie del quartiere si sono rifugiate lì con noi. Nonostante la grande paura iniziale per questa enorme calamità naturale, l’atmosfera in albergo era gioiosa perché eravamo tutti insiema ad affrontare questa avventura e poi con Rob, uno dei nostri ciceroni, e il suo motto “drama is for the mama” ovvero “il dramma è per le mamme”, chi non sarebbe riuscito a superare un uragano?

D’altra parte però alla fine l’uragano è stato meno violento di quanto previsto, ci sono stati solo venti fortissimi e tanta pioggia. A Miami i danni sono stati limitati e noi siamo stati fortunati a superare questo momento, quando invece ci sono state tantissime persone in Florida e non solo che hanno perso i familiari o la propria casa.

Questa esperienza sicuramente mi resterà impressa, forse più del viaggio stesso, perché non avrei mai pensato che sarebbe capitato a me in prima persona di essere …nell’occhio di un ciclone!