di Beatrice Ciancarella

Il 22 maggio, nell’hangar dell’Istituto “Malignani”, si è svolto l’incontro conclusivo del progetto “Ragazzi in pace”.

Il progetto, a cui hanno partecipato diverse scuole superiori della provincia, è nato grazie al Teatro Club di Udine e, col sostegno del Comune e della Regione, ha unito numerosi ragazzi per seguire un percorso sul tema del dopoguerra nel territorio friulano, anche in occasione del centenario dalla fine della Grande guerra. L’esperienza, avviata da Angela Felice, prevedeva inizialmente una serie di lezioni preparatorie tra  studenti e specialisti, quali storici, esperti o artisti, nelle quali è stato analizzato il tema da molteplici punti di vista: la fotografia, il teatro, la letteratura, ecc. In un secondo momento i ragazzi degli istituti -”J. Linussio”, “A. Malignani”, “N. Copernico”, “A. Zanon”, “J. Stellini” coordinati rispettivamente da Gloria Perosa, Antonella Sbuelz, Eleonora Clocchiatti, Paolo Mattotti, Monica Del Fabbro, hanno riflettuto sulle tematiche affrontate durante gli incontri e, dopo averle approfondite autonomamente, hanno sviluppato un proprio elaborato. Questo, infine, è stato presentato dagli stessi ragazzi al convegno conclusivo.

In particolare, l’Istituto di Istruzione Superiore “Linussio” di Codroipo ha mostrato un video focalizzato sul confronto tra immagini d’epoca e attuali di Codroipo e dintorni e sul romanzo “Addio alle Armi di Ernest Hemingway, di cui sono stati letti alcuni estratti sia in inglese che in italiano con l’accompagnamento di riprese del fiume Tagliamento. Secondariamente, gli studenti dell’Istituto“Malignani” hanno proposto la lettura di poesie sulla  disumanità della guerra, di cui alcune scritte dagli studenti stessi; quindi, l’Istituto Tecnico “Zanon” ha esposto una presentazione e una riflessione sullo spettacolo “Il memorioso” (messo in scena venerdì 9 marzo nell’Aula magna del Liceo “Stellini” di Udine e collegato al progetto). Infine il Liceo Scientifico “Copernico” ha letto gli articoli di giornale elaborati in seguito al percorso svolto ed a uno studio sulla propaganda durante la guerra, mentre il Liceo Classico “Stellini” ha presentato delle considerazioni personali sulle lezioni seguite e sul tema della guerra.

I ragazzi, durante il convegno, hanno più volte ricordato e omaggiato, anche attraverso gli stessi elaborati, Angela Felice, recentemente scomparsa; Angela infatti, ponendo gli studenti al centro delle iniziative, aveva ideato questo progetto come una continuazione di “Ragazzi in causa” dell’a.s. 2016/2017, insegnando loro ad analizzare la storia e a farsi coinvolgere in essa per poter così comprendere e valutare il presente  in cui viviamo.